La salute cardiovascolare secondo l’AHA

5

Non far del male al tuo cuore!

Nel 2010 l’American Heart Association (AHA) ha introdotto il concetto di salute cardiovascolare, considerando 4 obiettivi da portare a termine entro il 2020: riduzione del fumo e del peso, abitudini alimentari salutari, attività fisica regolare.
Sono stati inclusi anche 3 indicatori clinici: glicemia, pressione arteriosa, colesterolo.
In totale sono stati presi in esame 7 parametri come monitoraggio della salute cardiovascolare della popolazione. Questi 7 parametri servono a controllare i fattori di rischio cardiovascolari.

I fattori di rischio sono quelle caratteristiche derivanti da abitudini e stili di vita non corretti, fattori ambientali e biologici, che, se presenti in un soggetto esente da manifestazioni cliniche della malattia, predicono la probabilità di ammalare in un certo periodo di tempo.

principali fattori di rischio rilevati dall’dell’Osservatorio Epidemiologico Cardiovascolare (Oec)/Health examination survey (Hes) sono:

  • Ipertensione: pressione arteriosa sistolica ≥140 o diastolica ≥95 mmHg o trattamento specifico
  • Ipercolesterolemia: colesterolemia ≥240 mg/dl o trattamento specifico
  • Colesterolemia – HDL bassa: ≤40 mg/dl negli uomini e ≤50 mg/dl nelle donne
  • Colesterolemia – LDL elevata: ≥115mg/dl
  • Ipertrigliceridemia: trigliceridemia ≥150 mg/dl
  • Iperglicemia: glicemia a digiuno compresa tra 110 e 125 mg/dl
  • Diabete: glicemia a digiuno ≥126 mg/dl o trattamento specifico
  • Abitudine al fumo: viene considerato fumatore chi fuma anche solo una sigaretta al giorno, a settimana o al mese; sono rispettivamente considerate “mai fumatori” ed “ex fumatori” quelle persone che non hanno mai fumato o che hanno smesso di fumare da almeno un anno
  • Sovrappeso: indice di massa corporea (IMC) 25,0-29,9 Kg/m²
  • Obesità: indice di massa corporea (IMC) ≥ 30 Kg/m²

Negli Stati Uniti meno dell’1% delle persone adulte ha un’alimentazione sana, solo il 32% ha un indice di massa corporea nella norma, e più del 30% ha valori di colesterolo, trigliceridi e pressione arteriosa alterati. Mediante una valutazione del National Health and Nutrition Examination Survey si è notato che le persone che hanno raggiunto uno score maggiore o uguale a 6 aveva un profilo di rischio migliore se paragonato alle persone che ne avevano raggiunto solo 1 o nessuno.

Da qui nasce anche l’obiettivo di migliorare la prevenzione per queste patologie potenzialmente mortali o comunque debilitanti. Per poter raggiungere il maggior numero di persone e poter dare una informazione più capillare e in alcuni casi un’attenzione individualizzata alla singola persona si è pensato di utilizzare i moderni mezzi di comunicazione (web, smartphone, etc…), prende così forma l’e-health (electronic health), detta anche salute digitale, che a sua volta comprende delle sottobranche tra cui la m-health (mobile-health) costituita dagli applicativi scaricabili sullo smartphone.

Lo stesso studio condotto dall’American Heart Association, citato prima, mostra che la correzione dei fattori di rischio e il miglioramento dello stato di salute delle persone può essere ben gestito mediante gli applicativi elettronici in persone motivate a farlo. Si delinea quindi un nuovo modo digitale per poter pensare e migliorare la propria salute, che col tempo, si prevede, diventerà sempre più frequente da parte degli utenti.

Un nuovo approccio per promuovere la salute cardiovascolare

Scarica l’App gratuita e inizia da subito a controllare la tua pressione arteriosa alta

Download di AMICOMED per abbassare la pressione arteriosadownload AMICOMED per abbassare la pressione arteriosa

 

Bibliografia scientifica di seguito: